Pro Loco Puos - Loading... 

 

...le associazioni rendono l'uomo pi¨ forte e mettono in risalto le doti migliori delle singole persone, e danno la gioia che raramente s'ha restando per proprio conto... (Italo Calvino)

Home  |  Chi Siamo  |  Consiglio  |  Statuto Comune  |  Volontariato  |  OspitalitÓ  |  Dove Siamo  |  Contatti
Pro loco Puos on Facebook


Pro loco Chies
Pro loco Tambre
Pro loco Farra



Foto degli Eventi
Musei dell'Alpago
Campo da Tennis
Pista Ciclabile
Numeri Utili



Prodotti Tipici
Tradizioni Popolari



Alpago Turismo
Comune di Puos
Dolomiti Turismo
ARPAV Veneto
UNPLI Regionale
UNPLI Nazionale
Consorzio Alpago
Alpago EcoMarathon




Leggende
dell'Alpago...
libro




IL BASSANELLO
Il Bassanello Ŕ un ballo di corteggiamento ed una danza esibita come apertura nei banchetti nuziali dove vi partecipavano i novelli sposi, genitori e testimoni. La musica scritta da un'artista del comune di Chies d'Alpago, Sisti Basilio, agli inizi del novecento, viene proposta da un gruppo folk che prende nome dal ballo, il Bassanello, appunto. Il ballo eseguito da quattro coppie con i costumi tipici alpagoti veniva utilizzato dai giovani in cerca della fidanzata.
Altri balli tipici sono: Dolci Ricordi (walzer ballato nelle feste paesane), Viva la Sposa (polka che accompagnava la sposa da casa in chiesa), Scottish (ballo di gruppo usato nel corteggiamento), Leandler (danza di gruppo che ricorda i balli tirolesi).



PELLEGRINAGGIO A FOLLINA (TV)
Il pellegrinaggio all'abbazia della Madonna di Follina viene fatto annualmente dalle genti dell'Alpago per mantenere fede ad un voto fatto alla Madonna per la protezione dalla nebbia che nei tempi lontani danneggiava le culture. Il tragitto veniva compiuto in processione, a piedi,
con le croci delle chiese dell'Alpago con in testa la croce di S. Vigilio perchŔ la pi¨ vecchia. Attualmente i pellegrini raggiungono l'abbazia con le auto e corriere.



SANTUARIO DELLA MADONNA DELLA SALUTE DI IRRIGHE
Il 24 settembre del 1836 le genti dell'Alpago fecero voto alla Madonna della Salute, venerata nella chiesa di S. Giovanni Battista di Irrighe (XV secolo), per sfuggire dal temibile morbo del colera.
La grazia arriv˛ salvando le genti, le quali per riconoscenza istituirono una confraternita. Attualmente vengono celebrate varie messe durante la giornata , la prima alle sei di mattina che accoglie i pellegrini partiti a piedi da Puos d'Alpago e dopo un percorso di 13 Km vengono accolti all'interno della chiesa.(notizie tratte da Santuario della Madonna della Salute di Irrighe di Paola Barattin).
Anche a Puos d'Alpago in onore della Madonna della Salute ed in ricordo del colera del 1836 venne eretto un capitello che si trova poco dopo l'abitato di Valzella, salendo verso Torch, a sinistra della carreggiata.

Home



Libretto Tarioi
Puoi trovare una copia del libro presso l'ufficio Turistico della Pro Loco di Puos d'Alpago